Terremoto in Turchia, migliaia le vittime: disperso un italiano

Terremoto in Turchia, migliaia le vittime: disperso un italiano

Cresce il bilancio delle vittime provocate dagli effetti del terremoto di magnitudo 7.8 sulla scala Richter. Dal sud della Turchia e il nord della Siria si contano almeno 3.613 morti e decine di migliaia di feriti. Dal ministero degli Esteri, in serata, è arrivata la notizia che a Kahramanmaras, una delle città turche più colpite…

Stop ai prodotti petroliferi russi, aumenta il costo della benzina

Stop ai prodotti petroliferi russi, aumenta il costo della benzina

Da oggi si potrebbe avere lo stop definitivo ai prodotti petroliferi russi. Sebbene l’Europa si è adoperata per correre ai ripari, attraverso le scorte e l’intensificazione dei mercati di approvvigionamento asiatici, questo potrebbe non bastare. Tra i problemi ci sono il costo del trasporto con una percorrenza quasi decuplicata. Altresì le scorte prima o poi…

Alfredo Cospito resti in carcere, tolleranza zero

Alfredo Cospito resti in carcere, tolleranza zero

Alfredo Cospito, noto delinquente anarchico, è stato trasferito dal carcere di Sassari al penitenziario di Opera, a Milano. È in sciopero della fame contro il regime di 41-bis a cui è sottoposto. Non accetterà somministrazioni di cibo e continuerà lo sciopero della fame. L’unica novità di questo trasferimento è che nella struttura di Opera hanno…

Contro la pedofilia la castrazione chimica, come avviene in Europa

Contro la pedofilia la castrazione chimica, come avviene in Europa

Diciamo basta al buonismo che vuole un reinserimento nella società di persone colpevoli di pedofilia e stupro. Chiediamo tutti insieme al Parlamento la discussione di una legge che preveda la castrazione chimica come avviene negli Stati Uniti, Gran Bretagna, Russia e nelle vicine Francia, Germania e Spagna. Persone come queste meriterebbero l’ergastolo. Tuttavia assistiamo alla…

Quando la fretta porta all’errore si chiede scusa

Quando la fretta porta all’errore si chiede scusa

Riprendendo un vecchio adagio si può certamente affermare che “la fretta è cattiva consigliera”. La morte di un ragazzo, di appena 23 anni, ha spinto alla corsa cieca tra chi arrivava prima con il nome, il cognome e la foto. Capita però, nella fretta del momento, che i nomi arrivino prima ai giornalisti dei genitori.…