Screening per tutti gli studenti, quando la realtà supera la fantasia

La campagna di screening in Sardegna.

In queste ore la Regione Sardegna, d’accordo col Governo, è a lavoro per organizzare lo screening di massa sugli studenti di ogni ordine e grado.

Bene così, ma a che serve tutto questo impegno se poi, nonostante il soggetto risulti positivo, dopo 5 giorni di autosorveglianza, può tranquillamente uscire e a sua volta infettare gli altri, magari durante la ricreazione, visto che consumando alimenti o bevande abbassa la mascherina?

La norma nazionale, infatti, prevede il tampone obbligatorio solo per sintomatici, asintomatici fuori dall’autosorveglianza dopo 5 giorni senza bisogno di test, con obbligo di indossare una Ffp2 fino al giorno 10 dal contatto.

Condividilo!

Informazioni su Pietro Serra